In mtb intorno al Passo del Bocco di Bargone
Bocco 27
Discesa dal monte Porcile a Santa Maria

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 11/2013. connessione
Partenza: monte Porcile
Come arrivare: Il monte è raggiunto dall'itinerario 5 e dall'itinerario 8.
Itinerario.
Dalla vetta del monte Porcile scendiamo in direzione della piccola croce che sorge sull'anticima ovest.
Prima di salire alla croce svoltiamo a destra e, dopo qualche metro nel prato, entriamo su un evidente sentiero.
Il sentiero scende verso il crinale settentrionale e lo raggiunge iniziando una ripida discesa. Incontriamo qualche passo con pietre affioranti ma la discesa è quasi interamente ciclabile.
Al termine della parte più ripida il sentiero attraversa una zona dove diventa poco visibile ma è sufficiente seguire il crinale per ritrovarlo dopo pochi metri.
La discesa sul largo crinale termina su un valico con quadrivio (km 1,4; valico della Fonte Sacrata) dove seguiamo la stradina a destra.
Scendiamo alla sorgente e proseguiamo in discesa ma incontrando un paio di corte salite.
Attraversiamo i ruscelli alla testa della Valle di Lagorara (km 2,3) e affrontiamo una salita ripida, sassosa e non del tutto ciclabile.
La strada scende con qualche tornante e giunge ad un cancello (km 4,1) che si può aprire.
Proseguiamo sulla mulattiera che prosegue e scende ad una strada sterrata (km 4,3).
Lasciamo l'itinerario 13 a sinistra e voltiamo a destra.
La strada sale leggermente e conduca a un bivio (km 4,5) dove svoltiamo a sinistra e saliamo alla isolata chiesa di San Bernardo (km 4,6).
Di fronte alla chiesa inizia un sentiero che scende nel bosco: lo seguiamo. Superiamo qualche zona dove il tracciato è poco visibile ma comunque non ci sono problemi di orientamento.
Agli incroci incontriamo qualche raro e utile segnavia che indica S.Maria/Campore sul sentiero che scende ripido, spesso scalinato. Superiamo qualche tratto interrotto dagli alberi e arriviamo su una strada forestale (km 5,5).
Lasciamo il sentiero che prosegue infrascato e prendiamo la strada. Dopo cinquecento metri la strada diventa asfaltata e termina su una strada più ampia (km 6).
Svoltiamo a destra e scendiamo alle prime case di Campore (km 6,3) dove svoltiamo a destra seguendo la strada che entra in paese.
Attraversiamo tutto il centro abitato e ritroviamo la strada provinciale che seguiamo a destra.
Saliamo lievemente fino al piede del dosso su cui sorge Santa Maria. Giriamo a destra (km 7) e saliamo alla chiesa al centro del paesino (km 7,2).
Dislivello: -720 m.
Ciclabilità: 96%
Asfalto: 15%
Osservazioni:
Variante 27.1.
Al bivio che precede la chiesa di San Bernardo andiamo a destra in una strada campestre che costeggia i prati. Entriamo nel bosco giungendo a un quadrivio (km 0,4) dove prendiamo la pista che scende, ripida e termina (km 0,7) per diventare una mulattiera.
Scendiamo con qualche tornante e arriviamo a un guado (km 0,8). Superiamo il fondo pietroso e riprendiamo la mulattiera che si riduce a sentiero infrascato per una cinquantina di metri.
Il percorso diventa agevole e scende a raggiungere una strada maggiore (km 1).
Seguiamo la strada a sinistra e arriviamo a incrociare l'itinerario principale (km 1,1). Non seguiamo la strada ma imbocchiamo la mulattiera a destra che scende delimitata da due muri a secco.
Superiamo un serbatoio (km 1,5) sulla mulattiera che diventa ben pulita e scende alle case di Campore (km 1,7) paese che attraversiamo percorrendo il vicolo che passa nel nucleo antico e termina sulla SP52 (km 1,9). Ciclabilità 97%. Aprile 2015.


mappa  foto  foto  foto  foto  foto  gps


Go down from Porcile mountain to Santa Maria

Updating: 11/2013.
Start point: Porcile mountain
How to arrive: The mountain is reached by the itinerary 5 and by the itinerary 8.
Itinerary.
From the peak of the Porcile mountain we go down in direction of the small cross that rises on the west peak.
Before climbing the cross we turn to the right and, after some meter in the lawn, we enter on an evident path.
The path goes down toward the northern ridge and reaches it beginning a steep descent. we meet some pass with emerging stones but the descent it is almost entirely cycle.
At the end of the steep part the path crosses a zone where it's few visible but it is enough to follow the ridge to find again it after few meters.
The descent on the wide ridge finishes on a pass with crossroads (km 1,4; pass of the Source Sacrata) where we follow to the right the narrow road.
We go down to the source and we continue in descent but meeting a pair of short slopes.
We cross the brooks to the head of the Valley of Lagorara (km 2,3) and we face a steep slope, stony and not entirely cycle.
The road goes down with some hairpin bend and comes to a gate (km 4,1) that it can be opened.
We continue on the mule-track that continues and it goes down to a dirt road (km 4,3).
We leave to the left the itinerary 13 and we turn to the right.
The road slightly climbs and finishes to the isolated church of St. Bernard (km 4,6).
In front of the church it begins a path that goes down in the wood: we follow it. We overcome some zone where the path is a little visible but there is not however problems of orientation.
To the intersections we meet some rare and profit trail sign that points out S.Maria/Campore on the path that goes down steep, often with stairs. We overcome some tract interrupted by the trees and we arrive on a forest road (km 5,5).
We leave the path that continues obstructed by bush and we takes the road. After five hundred meters the road becomes asphalted and it finishes on an ampler road (km 6).
We turn to the right and we go down to the first houses of Campore (km 6,3) where we turn to the right following the road that enters country.
We cross all the inhabited center and we find again the provincial road that we follow to the right.
We slightly go up to the foot of the back on which Saint Maria rises. We turn to the right (km 7) and we climb the church to the center of the country (km 7,2).

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.